Intervista con un big internazionale della Kizomba: Edo (aka DJ Ghost Face)!

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise

Se due anni fa mi avessero predetto che sarei divenuto allievo di un big della Kizomba come Edoardo Simoni, aka Edo, aka DJ Ghost Face, non ci avrei mai creduto (anche perché non sapevo nemmeno esistesse la Kizomba). Figuriamoci intervistarlo! La vita segue sentieri strani che non ci è dato conoscere in anticipo… Eccoci quindi seduti nella sua nuova (e bellissima) scuola di ballo a Marcallo con Casone, a chiacchierare di Kizomba con quello che molti non esiterebbero a definire tra i più grandi in Italia in questo tipo di ballo. 

D: Allora Edo, questo momento della tua vita vede contemporaneamente venire alla luce il tuo nuovo album e l’apertura della vostra nuova scuola di ballo “Premiere Academy” di Marcallo con Casone. Questo momento è un po’ il “riassunto” di te, che sei sia musicista/DJ, sia maestro di ballo. La prima domanda che voglio farti è: in quale di questi due “Edo” ti trovi più a tuo agio? Il DJ o il Maestro di Ballo?

EDO: Sinceramente non c’è uno dei due lati che prediligo, nel senso che io ho iniziato a fare il DJ a quindici anni con l’Hip-hop e vinili, ho iniziato prima suonare e poi a ballare hip-hop…e da lì è seguita tutta l’evoluzione. Quando mi sono trasferito qui a Milano nel 2008 non ho più fatto il DJ perché ormai si lavorava solo nell’ambiente del caraibico, dove non mi interessava fare il DJ, perché non mi dava stimoli. Ho ricominciato a suonare nel 2012, con la Kizomba. Quindi, per rispondere alla domanda…mi sento 50 e 50! Non c’è una parte che prevale. Forse amo un poco di più “produrre” che ballare, ma di fatto l’attività che faccio di più è ballare e insegnare.

D: Come si influenzano le due cose? Fare il DJ ha influenzato il modo in cui balli o è il modo in cui balli che ha influenzato il modo in cui scrivi musica?

EDO: E’ sicuramente un vantaggio incarnare entrambi i ruoli. Sono vere entrambe le cose. Perché produco canzoni che mi piacerebbe ballare, nel senso che studio degli stacchi o metto dei suoni che mi piacerebbe interpretare quando ballo; di conseguenza questo mi avvantaggia nel ballo perché magari, costruendo certi tipi di suoni, mi facilita intuirli in produzioni di altri che ballo.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise

D: parliamo un po’ del tuo nuovo album. Come si intitola? Quando uscirà?

EDO: E’ un travaglio di non so quanti mesi! Non ha ancora un titolo. Le canzoni sono pronte ormai da un anno, soltanto che per una combinazione di eventi non sono ancora riuscito a pubblicarle. Dovrebbe essere online tra un paio di settimane su tunecore.it. Per allora avrà sicuramente anche un titolo!

D: Nelle tue produzioni c’è sempre quella nota “cupa” e “dark” che ti contraddistingue. Però ci hai abituati a sentire canzoni anche molto romantiche come “Tears”, come se avessi una doppia anima. Da un lato il DJ che produce brani più duri e cattivi e dall’altro l’artista musicale che compone brani molto dolci e più eterei. Verso quale di questi due lati si trova quest’album?

EDO: Entrambi! Sarà che io sono del segno dei Gemelli, ma ho due lati completamente diversi. Guarda ad esempio i miei tatuaggi, da un lato ho il pentagramma con le note, dall’altro simboli guerrieri. Faccio il ballerino e faccio anche il pugile. Sul petto ho l’ala di un angelo e l’ala di un demone, quindi la dualità è proprio dentro di me. Mi piacciono gli estremi contrapposti: o vado su cose molto pesanti o vado su cose molto molto romantiche. Non mi piacciono le vie di mezzo, o meglio, non è il mio modo di fare, anche se poi a volte le vie di mezzo funzionano benissimo.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise
Edo e Denise durante uno spettacolo

D: Sei partito però da canzoni molto romantiche, verso dove ti stai evolvendo con questo nuovo album?

EDO: Ad essersi evoluto molto è l’ambiente della musica, è proprio questo genere che sta evolvendosi. Le canzoni più “dure” che si sentono oggi in serata non sono nemmeno più Tarraxinha, si va dal Moombahton allo Zouk Bass, comunque ritmi molto più duri…

D: …più adatti forse anche ad altri stili di ballo?

EDO: Più che altro essendoci stato quel tipo di musica, c’è stata anche l’evoluzione in quel tipo di ballo. Il ballo arriva sempre dopo la musica. Non è che nasce il ballo e poi la musica si adatta, è il contrario. Si è iniziato a mettere cose più pesanti, per cui anche la Tarraxinha di adesso si è evoluta. Ora per esempio hanno inventato il Tarraxo che è l’evoluzione della Tarraxinha, molto più movimentato. Essendoci stata questa evoluzione della musica, ho cercato di produrre pezzi più pesanti. Un brano a parte è “No Fight” che forse è l’unica via di mezzo. E’ tendenzialmente romantica (con piano e violino), però è rapida (circa 92-93 bpm, quindi non proprio soft). Mi piaceva l’idea di lanciare un messaggio di armonia tra le varie fazioni che si “scontrano” nel mondo della kizomba, di qui il titolo “No fight”, “non combattere”. C’è anche uno stacco, nella canzone, in cui Denise “parla” e spiega che esistono stili diversi, Kizomba, Urban Kiz, Kizomba Fusion, che condividiamo tutti la stessa passione e che è inutile litigare tra di noi, è importante solo ballare. E’ un brano a cui tengo molto.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise

D: Anche come ballerino ci sono grandi novità. Quest’anno avete aperto la vostra nuova scuola Premiere Academy, ti va di raccontarci un po’ di che si tratta?

EDO: E’ dal 2006 che giriamo praticamente tutti i weekend ospiti a congressi. Adesso sono in una diversa stagione della vita, adulto, non dico vecchietto, ma adulto…e girare tutti i weekend inizia a pesare. E’ capitato che un nostro amico volesse cedere la sua scuola di ballo e abbiamo “colto la palla al balzo”. La location era ottima e abbiamo deciso di fare questo passo, cercando di lavorare “nella zona”. C’era tantissima gente presente all’inaugurazione del 15 settembre!

D: Tra l’altro la cosa interessante è che non ci siete solo voi con Kizomba e Salsa Cubana, ma avete proprio raccolto un Team di insegnanti di alto livello

EDO: Sì, sicuramente è una scuola a 360 gradi. Noi siamo conosciuti per la Kizomba (e ne seguiremo personalmente tutti i corsi), ma andiamo a toccare molte discipline. Abbiamo insegnanti di Hip-Hop, Dance Hall, Salsa Cubana, Salsa New York Style, Bachata Fusion, Reggaeton, Fitness, Gag, Circuit Training, Pilates, Body Fly, Latin Hustle, Boogie, Rock Acrobatico e altri progetti che inseriremo a gennaio.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise
Edo e Denise

D: Come hai iniziato con la Kizomba?

EDO: Insegnavo Salsa e Reggaeton in una scuola di Milano. Il titolare invitava mensilmente un’insegnante di Kizomba a fare degli stage presso la scuola. Tieni presente che allora in Italia di Kizomba non c’era nulla. Dopo due stage detto al titolare “Perdonami, ma a me questo ballo fa cagare!” (ride). E ho smesso con quegli stage. Nel 2010 però durante un congresso misto in Bulgaria ho visto degli show di Kizomba e la relativa serata social…ed ho iniziato a farmi qualche domanda, perché quello che vedevo sul palco e in pista mi piaceva, ma era completamente diverso da quello che avevo visto durante quei due stage. Mi sono informato su youtube sulla Kizomba per poi scoprire che quello che mi era stato insegnato in quei due stage, semplicemente, non era Kizomba. Io e Denise abbiamo poi visto Albir e…quello che avevamo visto ci era piaciuto parecchio. Da allora abbiamo iniziato a studiare all’estero, a frequentare stage e lezioni private. E quindi, dopo un anno circa, abbiamo cominciato a insegnare, ma anche perché c’eravamo solo noi e Davide Venturi nel Nord Italia. Io e Denise abbiamo poi montato uno show, “Crazy Dolls”, uno show semplice che però ci ha fatto conoscere al grande pubblico e soprattutto all’organizzatore del congresso Feeling di Madrid, che ci ha poi chiesto di ripeterlo proprio a Madrid davanti a 4-5000 persone. Poi abbiamo anche girato un video clip, che è stato, credo, il primo video clip di ballo sulla Kizomba.
Continuiamo comunque a formarci in giro per il mondo con lezioni private etc.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise
Edo e Denise al Kizmi. I loro seminari sono tra i più amati e seguiti.

D: Perché proprio la Kizomba? Cosa ti ha colpito di questo ballo?

EDO: Per prima cosa sicuramente la musica. Venendo dall’hip-hop il ghetto zouk sembra quasi R&B in portoghese, con la ritmica dello zouk, è molto simile…quindi sicuramente la musica. Il ballo mi è piaciuto perché è un ballo di contatto e a me i balli di contatto piacciono e dove dietro comunque c’è parecchia tecnica. La cosa che mi ha fatto appassionare, però, è il discorso di interpretazione musicale. Venendo dall’hip-hop, dove quando monti una coreografia vai a cercare di prendere proprio ogni minimo suono, mi sono sentito a casa. Poter spaziare e non avere vincoli mi ha preso.

D: Chi ti piace particolarmente tra i tuoi colleghi ballerini?

EDO: Ci sono talmente tanti talenti emergenti che è difficile indicarne uno. Magari uno mi piace moltissimo sotto un determinato aspetto, un altro mi colpisce sotto altri punti di vista. AfroLatin Connection e Albir sono sicuramente dei mostri sacri. Adesso tantissimi artisti francesi a parer mio sono spettacolari e tra l’altro molti di loro saranno ospiti presso la nostra scuola Premiere Academy, dove terranno stage: Pierre-Yves & Sarah, J.P. & Stephy, Heneco & Adelina, Jonathan & Pilar, Azzedine. La caratteristica di questi artisti è che lavorano tutti con la musicalità, cosa che “caratterizza” me e Denise.

D: Tu hai modo, oltre che di insegnare, di ballare tantissimo social durante le serate che animi. Qual è l’errore più frequente che riscontri negli uomini e quale quello più frequente nelle donne?

EDO: Nei ballerini maschi, non ascoltare la musica e affidarsi alla “meccanica” e alla routine. Dalla console come DJ lo vedo spesso. La gente non differenzia gli stili. Vedo figure tipo “Spiderman” sul Semba o su una Kizomba. Oppure non cercano di interpretare e ballano sempre sul beat. A parer mio un ballerino, così, diventa noioso. Dopo due canzoni ballate con te una ballerina ti conosce già a memoria. Lavorando con la musicalità invece riesci sempre a variare l’interpretazione.

L’errore più frequente nelle donne è sicuramente quello di “voler andare da sole”, cioè di non aspettare la guida dell’uomo. Questo vale anche per i movimenti di bacino. Siccome ci sono gli stage di Lady Style, molte donne pensano che quello che hanno imparato possano poi farlo da sole quando ballano. No. Servono ad imparare i movimenti che poi l’uomo ti guiderà e non a “invadere” la guida dell’uomo e ballare da sola. E aggiungerei anche la mancanza di “controguida”, anche se qui poi andiamo sul tecnico.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise
Edo e Denise durante un workshop

D: Come vedi la Kizomba in Italia?

EDO: Dopo un periodo di forte salita, la vedo in una situazione stabile. Quest’anno però a giudicare dalle iscrizioni ai corsi base, non solo qui, ma sentendo anche colleghi come Davide Venturi, sembra che ci sia di nuovo una fase di crescita. 

D: Alcuni pensano che il “ristagno” che si avverte un po’ nell’ambiente della Kizomba sia dovuto al fatto che ci sono troppi congressi e troppi maestri…

EDO: E’ vero. Come in ogni cosa bisogna valutare la qualità. C’è chi ti fa un corso annuale a 130 euro e ti regala pure una vacanza e c’è chi ti fa pagare il giusto, ma ha un’esperienza diversa da chi te la svende. La mia corrente di pensiero è “hai ciò che paghi. Tanti insegnanti si improvvisano. Ma gira e rigira, possono fregarti un allievo per due o tre mesi, ma prima o poi l’allievo apre gli occhi. Per i congressi vale lo stesso discorso. C’è chi si improvvisa organizzatore (che è un lavoro difficilissimo). Adesso c’è la moda di fare un congresso in ogni città, quando magari ce n’è già uno a 50 km da te, non ha molto senso. Essendo così tanti i congressi, quelli piccoli falliscono, la gente si stufa e, se l’organizzazione è brutta, si annoia; così, scottata da una precedente esperienza negativa, non va ad un congresso che magari invece merita. E dreni gente dai locali. Meglio chiedere al tuo insegnante (se competente) a quali eventi conviene andare.

D: E quali sono secondo te quelli validi in Italia?

EDO: al primo posto, secondo me non solo a livello italiano, ma anche a livello mondiale, il Kizmi che ci sarà a dicembre. Impeccabile a livello organizzativo. Location fantastica. Tanta gente dall’estero. Si può studiare. Davvero un bell’evento. Anche il Kife di Trieste, il LeKiz a Lecce e il Fusion a Roma a febbraio. Mi piacciono  gli eventi non giganteschi, un po’ più intimi: al Life a Piombino, ad esempio, ci siamo divertiti tantissimo. Anche il Kima nelle Marche, che è partito come evento piccolo, è un bell’evento.  All’estero sicuramente il Feeling di Madrid. 

D: Tra i DJ chi ti piace particolarmente?

EDO: In assoluto DJ Zayx. Ce ne sono tantissimi, uno più bravo dell’altro. Ma a livello di selezione tecnica per me Zayx è il migliore in assoluto.

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise

D: Tu e Denise vi siete sposati quest’anno, tantissime congratulazioni! Praticamente 10 anni di vita e di ballo insieme. Quanto è importante che la tua compagna nel ballo e nel lavoro sia anche la tua compagna nella vita?

EDO: E’ un vantaggio a livello di complicità durante il ballo. Se è la tua compagna hai un feeling diverso da quello che hai con una ballerina esterna, a meno che non si tratti di una coppia che balla insieme da tantissimi anni. Allora diventi tipo “fratello e sorella” e riesci a “simulare” quella complicità e la passione che ci sono tra una coppia vera, ma, appunto, le simuli. Non è però sicuramente facile. Lavorare 24 ore al giorno con al propria compagna…è dura! Bisogna armarsi di tanta pazienza da ambo le parti e cercare di separare la parte lavorativa da quella privata. L’ideale sarebbe una volta arrivati a casa dire “ok, quello che è stato a scuola è rimasto là, ora siamo a casa”. Non è facile, ma credo che sia l’unica maniera.

D: Cosa vuoi dire ai nostri lettori?

EDO: Vi invito a venire a provare i nostri corsi (che non sono solo di Kizomba) alla nostra scuola Premiere Academy di Marcallo con Casone, Via Verne 78. Ci trovate sia sulla nostra pagina Facebook Premiere Academy, che a questi numeri: 347.6278593 – 340.4758230. 

Settembre è il mese gratuito di prove: Vi aspettiamo!  

Edo, Dj Ghost, Kizomba, Edo & Denise, Edo e Denise

Una risposta a “Intervista con un big internazionale della Kizomba: Edo (aka DJ Ghost Face)!”

  1. Patrizia Saladini dice: Rispondi

    Vi adoro !!! Questa intervista è bellissima !!! In bocca al lupo per il vostro futuro lavorativo e la vostra vita insieme! Io continuerò a stalkerizzarvi di tanto in tanto … vi amo cosa posso farci. Patty

Lascia un commento